Home » Coldiretti: Giovani agricoltori a scuola di futuro

Coldiretti: Giovani agricoltori a scuola di futuro

by Tito Taddei

“In Italia c’è un esercito di oltre 55mila giovani impegnati quotidianamente in agricoltura per difendere l’ambiente, il territorio, la salute e contrastare i cambiamenti climatici. Un settore strategico per la ripresa economica e occupazionale del Paese che dovrà per il futuro contare sull’energia, la preparazione e la lungimiranza dei suoi giovani imprenditori”. Lo ha detto Nicola Bertinelli, Presidente di Coldiretti Emilia Romagna in occasione della tappa regionale di Coldiretti Giovani Impresa Academy, la scuola strategico-politica diretta agli imprenditori under 30, pensata per sostenere la crescita dirigenziale delle nuove generazioni di agricoltori e che vede la partecipazione anche di tre giovani agricoltori modenesi.

Progettato in collaborazione con Inipa Coldiretti Education, la scuola promette di avviare una costante riflessione sulle aree tematiche più rilevanti e di attualità per l’agroalimentare italiano per quanti interessati a divenire parte integrante di Giovani Impresa e contribuire allo sviluppo del settore.

La due giorni bolognese, che vede la presenza con Bertinelli del Direttore regionale Marco Allaria Olivieri, della Delegata nazionale di Coldiretti Giovani Impresa, Veronica Barbati e del delegato  regionale, Andrea Degli Esposti, propone un’azione di primo avvicinamento e inserimento di nuovi giovani imprenditori in Coldiretti Giovani Impresa attraverso una serie di incontri e di momenti di approfondimento guidati da testimonianze di referenti di area, tecnici da Bruxelles, testimonial del territorio, professori universitari e ricercatori.

L’incontro è stato inaugurato dal Presidente Nazionale Ettore Prandini che ha raccontato ai ragazzi la sua storia personale e la sua esperienza di rappresentanza ma anche le sfide che il Paese ha davanti, con le progettualità di Coldiretti messe in campo per la ripartenza.

“L’accesso alla conoscenza e il coinvolgimento in luoghi di confronto è un passaggio strategico e decisivo per la costruzione di una classe dirigente autorevole, aperta, consapevole ed europea” ha detto Andrea Degli Esposti, Delegato regionale di Giovani Impresa.

Articoli correlati

lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando cn la navigazione, dichiari di essere d'accordo con la nostra politica della privacy e l'utilizzo dei cookie di terze parti., ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più