Home » Modena – Via libera alla realizzazione della CRA nel quartiere Madonnina

Modena – Via libera alla realizzazione della CRA nel quartiere Madonnina

by Tito Taddei

Può prendere il via la realizzazione di una doppia struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti per complessivi 150 posti nel rione Madonnina di Modena, su un lotto di terreno di circa 9mila mq all’incrocio tra le vie Marco Polo e don Pasquino Fiorenzi.

Il Consiglio comunale, nella seduta di giovedì 2 febbraio, si è espresso a favore della delibera che approva lo schema di convenzione urbanistica per la realizzazione delle opere di urbanizzazione a favore del soggetto che ha acquisito il diritto di superficie dell’area pubblica e, al contempo, il permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici comunali per l’aumento di 554 metri della superficie edificabile rispetto alla delibera approvata dal Consiglio nel 2018.

Hanno votato a favore Pd, Sinistra per Modena, Lega Modena, Alternativa popolare e Modena sociale; astenuti Europa verde – Verdi, Movimento 5 stelle, Forza Italia e Fratelli d’Italia; assenti Modena civica e Gruppo indipendente per Modena.

A realizzare la struttura sarà la Società Kos Care, subentrata a fine 2021 alla cooperativa sociale Dolce che ha rinunciato formalmente all’assegnazione avvenuta in seguito all’avviso pubblico promosso dal Comune per stimolare soggetti privati a investire nella costruzione di Case residenza anziani con l’obiettivo di potenziare l’offerta di posti residenziali in strutture per anziani non autosufficienti.

Dei 150 posti letto previsti nella nuova Cra Madonnina, 90 tutti autorizzati sono destinati agli ospiti della Cra Ducali 1 di via del Pozzo che sarà assorbita dalla nuova struttura; dunque, saranno 60 i nuovi posti disponibili. Parallelamente si avvia alla conclusione la realizzazione della Cra Gorrieri, costruita sempre su area pubblica, che sostituirà la Cra Ramazzini di via Luosi aumentandone i posti da 70 a 90. Altri 8 posti saranno ricavati nella Cra Guicciardini dalla riconversione dei locali che prima della pandemia erano adibiti a Centro diurno.

 

(nelle foto due rendering della struttura)

Articoli correlati

lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando cn la navigazione, dichiari di essere d'accordo con la nostra politica della privacy e l'utilizzo dei cookie di terze parti., ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più