Home » .Il Gonfalino d’oro 2022 all’editore Alberto Bisi di 21lettere

.Il Gonfalino d’oro 2022 all’editore Alberto Bisi di 21lettere

by Tito Taddei

Giovedì 17 novembre alle 20.45, ad Habitat, in via Berlinguer 201, a Soliera, si rinnova l’appuntamento con la cerimonia del Gonfalino d’oro, alla sua terza edizione, un riconoscimento che l’amministrazione comunale conferisce a concittadini che per svariate motivazioni, di carattere altruistico, sociale o culturale, abbiano dato prestigio alla città di Soliera. Il programma della serata prevede in apertura la consegna dalle mani del sindaco Roberto Solomita del Gonfalino – un pins in oro raffigurante lo stemma del Comune – che quest’anno va ad Alberto Bisi, fondatore della casa editrice 21lettere. Seguirà una breve conversazione con l’editore e un’intervista allo scrittore russo Mikhail Shishkin, Premio Strega Europeo 2022, a cura di Francesco Rossetti.

Solierese doc, Bisi ha dato vita all’inizio del 2020 a una nuova casa editrice indipendente che si è da subito guadagnata un posto di rilievo nel panorama nazionale, per la qualità degli autori proposti, selezionati su scala planetaria, e per l’autonomia nelle scelte.
21lettere sceglie con cura cosa pubblicare: nel primo anno si è limitata a soli sei titoli. A partire dal 2021 le pubblicazioni sono raddoppiate con sei libri per ragazzi mentre nel 2022 ha preso avvio anche il settore fumetti: tra questi il fuoriclasse francese Jean-Jacques Sempé, scomparso lo scorso agosto a quasi 90 anni.
“Pubblichiamo solo pochi libri, ma buoni, perché lavoriamo su long-seller”, spiega Bisi. “Pochi selezionatissimi titoli su cui investire tanto, ciascuno. Non restiamo confinati a un genere prestabilito. Se il libro è bello, per noi anzitutto, allora lo pubblichiamo.” Tra gli autori pubblicati la statunitense Lois Lowry, il californiano Walter Mosley, la giapponese Miri Yu, i francesi Eric Buillard, Jean Diwo, la britannica Clare Mulley, il russo Mikhail Shishkin.

L’anno scorso il Gonfalino d’oro venne attribuito a Mariano Lugli, vicedirettore delle operazioni di Medici Senza Frontiere nel mondo, mentre nel 2020, l’anno della prima ondata di  Covid, si decise di conferire un Gonfalino collettivo ai volontari che, durante il difficile periodo del lockdown, si resero disponibili a confezionare pacchi pieni di cibo e a distribuirli a domicilio a 303 famiglie solieresi aiutando così circa 1.000 persone.

Articoli correlati

lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando cn la navigazione, dichiari di essere d'accordo con la nostra politica della privacy e l'utilizzo dei cookie di terze parti., ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più