Home » Riscoprire la Socialità: Il Festival del Gioco Tradizionale a Nonantola

Riscoprire la Socialità: Il Festival del Gioco Tradizionale a Nonantola

by Roberto Comanducci

Riscoprire la Socialità: Il Festival del Gioco Tradizionale a Nonantola

Si è conclusa con successo la giornata dedicata alla socialità e al gioco tradizionale, promossa dalla Proloco di Nonantola e con il sostegno dell’Amministrazione Comunale.
Un evento che ha riunito bambini e adulti in sotto il segno dell’interazione sociale e del divertimento ma anche del recupero dei giochi classici e della riscoperta della propria storia, delle proprie origini e del senso di appartenenza. Con l’avvento delle tecnologie digitali, i giochi tradizionali hanno subito una trasformazione radicale. Ciò che una volta era limitato a spazi fisici e materiali, ora si è trasferito infatti nel mondo digitale, limitando l’interazione faccia a faccia e il gioco di squadra. Tante le attività proposte: Piazza Liberazione è stata teatro di sfide a scacchi, dove i partecipanti tutte le età hanno avuto l’opportunità di giocare contro un Maestro. Poi il torneo di calciobalilla, un gioco senza tempo, mentre gli stand di street food arricchivano l’evento con una varietà di specialità gastronomiche locali. Il programma del Festival è stato arricchito dalla partecipazione degli artisti nonantolani e associazioni locali, come i Clown di corsia, volontari che operano negli ospedali per sdrammatizzare e rendere più sopportabile la routine di cura.
“Riflettendo sul successo del festival, è essenziale riconoscere l’importanza di preservare e promuovere le nostre tradizioni – spiega Roberto Comanducci, Presidente della Proloco -. In questo modo trasmettiamo alle generazioni future i valori dell’amicizia e della socializzazione in contrapposizione all’isolamento digitale e al conflitto. Il Festival del Gioco Tradizionale di Nonantola è un esempio di come le comunità possa riunirsi per celebrare l’eredità delle tradizioni del passato e coltivare un senso di appartenenza, creando ricordi che dureranno una vita”.

Articoli correlati

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando cn la navigazione, dichiari di essere d'accordo con la nostra politica della privacy e l'utilizzo dei cookie di terze parti., ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più