Home » Come uscire dall’incubo Euro

Come uscire dall’incubo Euro

by redazione

In occasione dell’evento dedicato alle presentazioni dei candidati alle elezioni Europee per la lista Libertà, l’area nord orientale ha ospitato un incontro di notevole interesse, dove si è discusso di temi cruciali per il futuro economico dell’Italia.

L’evento, organizzato e moderato da Mia Gandini e dall’avvocato Ugo Lenzi, ha visto come protagonisti Fabio Conditi e Antonino Galloni, che hanno tenuto un approfondito focus su una questione tanto complessa quanto decisiva: la preparazione della strada per uscire dall’Euro.

Fabio Conditi, esperto di economia e presidente dell’associazione Moneta Positiva, ha aperto il dibattito illustrando i punti deboli dell’attuale sistema monetario europeo. Secondo Conditi, la permanenza nell’Eurozona limita fortemente la sovranità monetaria dell’Italia, impedendo al paese di adottare politiche fiscali autonome necessarie per stimolare la crescita economica e l’occupazione. Ha sottolineato come l’Euro, nato come strumento di unione, si sia trasformato in un vincolo che penalizza i paesi con economie meno forti.

Antonino Galloni, economista e già dirigente del Ministero del Tesoro, ha proseguito delineando le strategie pratiche per un’eventuale uscita dall’Euro. Galloni ha spiegato che una transizione graduale e pianificata è fondamentale per minimizzare gli impatti negativi sul sistema economico e finanziario. Ha suggerito l’introduzione di una nuova valuta nazionale, inizialmente affiancata all’Euro, per garantire la stabilità durante il periodo di transizione.

Entrambi gli esperti hanno concordato sulla necessità di un’informazione trasparente e di un ampio dibattito pubblico per preparare l’opinione pubblica ad un cambiamento così significativo. Hanno inoltre sottolineato l’importanza di avere un governo forte e competente, in grado di gestire le sfide che deriverebbero da un’uscita dall’Euro.

Durante la presentazione, i candidati della lista Libertà hanno ribadito il loro impegno a lavorare per la sovranità economica dell’Italia, proponendo misure che possano portare ad una maggiore autonomia e resilienza economica. Hanno evidenziato come l’uscita dall’Euro non debba essere vista come una soluzione miracolosa, ma come una scelta strategica per recuperare strumenti di politica economica indispensabili per il benessere del paese.

Il dibattito, abilmente moderato da Mia Gandini e dall’avvocato Ugo Lenzi, ha suscitato grande interesse tra i partecipanti, che hanno posto numerose domande ai relatori, dimostrando un vivo interesse per le problematiche economiche del paese e per le possibili soluzioni.

L’evento si è concluso con un invito alla riflessione e alla partecipazione attiva da parte di tutti i cittadini, affinché possano contribuire consapevolmente alle decisioni future dell’Italia in ambito europeo.

 

Articoli correlati

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando cn la navigazione, dichiari di essere d'accordo con la nostra politica della privacy e l'utilizzo dei cookie di terze parti., ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più