Home » Torna la festa dei ceri

Torna la festa dei ceri

by redazione
festa dei ceri

La festa dei ceri è forse una delle più antiche feste folcloristica Italiana!

2 sono le ipotesi delle sue origine:

La prima ipotesi, largamente documentata, presenta la Festa come solenne atto ispirato a devozione degli eugubini al loro Vescovo Ubaldo Baldassini, dal maggio 1160, anno della sua morte.

Da allora, ogni 15 maggio, giorno della vigilia del lutto, l’offerta  al Santo Patrono divenne un appuntamento fisso per il popolo di Gubbio, che avrebbe partecipato, in mistica processione, ad una grande “Luminaria” di candelotti di cera, percorrendo le vie della città fino al Monte Ingino (dove dall’11 settembre 1194 riposa il corpo di S. Ubaldo nell’omonima Basilica).

La seconda ipotesi, poco documentata, propende per la rievocazione antichissima della festa pagana in onore di Cerere, dea delle messi, arrivando a noi attraverso le glorie comunali e le signorie rinascimentali, il dominio pontificio e le lotte risorgimentali.

E quindi si lavora per celebrarla questo 15 maggio, magari con qualche modifica per via delle normative covid.

Giuseppe Allegrucci il presidente dell’Università  dei Muratori, Scalpellini  e Arti mestieri depositara della festa ,sostiene “l lavoro da fare è molto, ma non ci spaventa”

Sono passati 2 anni , ma ora la gente di Gubbio potrà rivivere la sua festa e il sindaco di Gubbio Filippo Mario Stirati dice “Da mesi stiamo lavorando per centrare l’obiettivo di tornare a svolgere la Festa del popolo eugubino”

E quindi si procede al prefetto e al questore è già stato consegnati il piano sicurezza. In base ai diversi scenari legati all’evoluzione della pandemia da Covid, sono indicate una serie di soluzioni logistiche per celebrare la Festa di Gubbio. “Nel nostro piano della sicurezza sono prefigurati tutti i possibili scenari”, ha precisato il sindaco.

“A Gubbio c’è una spinta enorme di tutta la città per ripartire con la Festa dei Ceri che non è solo il cuore della nostra identità ma uno dei simboli della nostra regione. Noi vogliamo fare da apripista per il ritorno in presenza delle grandi feste di popolo in piazza”. Conclude il Sindaco.

Articoli correlati

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando cn la navigazione, dichiari di essere d'accordo con la nostra politica della privacy e l'utilizzo dei cookie di terze parti., ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più