Home » L’OPINIONE. NON AUMENTIAMO SANZIONI STRADALI MA PUNTI PATENTE

L’OPINIONE. NON AUMENTIAMO SANZIONI STRADALI MA PUNTI PATENTE

by Tito Taddei
RIVEVIAMO DA CODACONS MODENA
FABIO GALLI
VICE PRESIDENTE REGIONALE CODACONS
Come se il caro bollette non bastasse da gennaio potrebbero rincarare anche le multe stradali, si parla dell’11%.
Com’è noto gli aumenti sono previsti dall’art. 195 del Codice della Strada che prevede ogni due anni l’aumento sulla base dei rilievi Istat calcolati sulla base dell’intera variazione.
Qualsiasi rincaro non solo sarebbe ingiustificato, ma non servirebbe nella maniera più assoluta ad aumentare la sicurezza
stradale.
In Italia i Comuni incassano un piccolo tesoro dalle “multe stradali”, oltre 3 miliardi di euro l’anno. Incassi che dovrebbero
essere destinati in gran parte alla sicurezza stradale ma che, alle volte, finiscono per coprire i buchi dei bilanci di alcuni Comuni.
Nelle principali città italiane nello scorso anno, le multe per le infrazioni al Codice della Strada hanno generato un tesoretto di più di centinaia e centinaia di milioni di euro.
Per questo chiediamo al governo di rinviare qualsiasi forma di aumento delle multe, se il Governo ha a cuore la sicurezza degli automobilisti e quindi dei cittadini tutti, inasprisca la “pena accessoria” della perdita dei punti prevista per le infrazioni più gravi.
Un automobilista indisciplinato è più facile che guidi con più prudenza e disciplina sapendo di rischiare la perdita di molti più punti dalla propria patente, per evitare di andare quindi a piedi per qualche tempo, piuttosto che per un aumento del denaro da pagare.
Come tutti sanno le patenti sono dotate di una scorta di 20 punti che possono essere ridotti in caso di violazioni al Codice della Strada. Prendiamo ad esempio lo scellerato utilizzo del telefonino mentre si è alla guida. E’ senza dubbio una delle infrazioni più censurabili poiché ormai è certo che una delle maggiori cause degli incidenti stradali è proprio la distrazione. Oggi la multa è pari a 165 euro (da pagarsi entro 30 giorni ) e la perdita di 5 punti dalla patente. Se passassero gli aumenti previsti da gennaio 2023, i 165 euro diventerebbero 183 sempre con 5 punti persi dalla patente. Noi proponiamo di non aumentare l’importo da pagare ma il numero dei punti da sottrarre dalla patente. C’è più prevenzione lasciando a piedi un automobilista che non rispetta il Codice della Strada che facendo incassare ai comuni più soldi

Articoli correlati

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando cn la navigazione, dichiari di essere d'accordo con la nostra politica della privacy e l'utilizzo dei cookie di terze parti., ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più