Home » Modena -Anziani presenti anche di notte, centro diurno sospeso con maxi multa

Modena -Anziani presenti anche di notte, centro diurno sospeso con maxi multa

by Tito Taddei

È stata temporaneamente sospesa l’attività di un Centro diurno per anziani di Modena, dopo che la Polizia locale ha accertato la presenza di utenti in regime di ospitalità residenziale notturna, quindi non autorizzata. Lo stesso diurno era stato oggetto di un analogo provvedimento circa un anno fa, a seguito di un medesimo accertamento.

Nei confronti del legale rappresentante della società che gestisce il servizio è stata erogata, di conseguenza, una sanzione dell’importo di 5mila euro. Sono inoltre in atto accertamenti ed indagini che potranno portare la Polizia locale a inviare segnalazioni oltre che all’Agenzia delle Entrate, anche all’Ispettorato del lavoro per quanto riguarda l’impiego notturno di personale non contrattualizzato.

I controlli, scaturiti da segnalazioni giunte attraverso il sistema Rilfedeur, sono stati condotti, anche in abiti civili, dal Nucleo Antievasione Tributi Locali e si sono concentrati nel pomeriggio di lunedì 6 marzo proseguendo fino alla mattina successiva.

Gli operatori della Polizia locale hanno quindi assodato che il Centro diurno autorizzato esclusivamente al servizio di accoglienza diurna e non convenzionato con il Comune, svolgeva per diversi ospiti anche un’abusiva attività residenziale notturna. Durante il sopralluogo effettuato a tarda serata, una volta terminata l’attività del diurno e spente le luci visibili dall’esterno, cinque anziani, quattro donne e un uomo, si preparavano infatti a trascorrere la notte nei locali nella struttura adibiti a camere; con loro vi era anche una persona addetta all’assistenza notturna.

Di fronte alle evidenze riscontrate, confermate dagli stessi ospiti, nei confronti del soggetto gestore, il Settore Servizi sociali del Comune, competente per il rilascio delle autorizzazioni al funzionamento e soggetto che ne vigila gli adempimenti, ha emanato già nella giornata del 7 marzo un provvedimento di diffida, con effetto immediato, dal proseguire l’attività di accoglienza notturna e l’applicazione della sanzione che dovrà essere pagata entro 30 giorni. Il contestuale provvedimento di sospensione del diurno, necessario per completare l’attività ispettiva, ma anche alla luce della reiterazione dell’abuso, entra invece in vigore da giovedì 9 marzo per consentire di  avvisare i familiari degli ospiti, solo in parte residenti nel territorio comunale

Articoli correlati

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando cn la navigazione, dichiari di essere d'accordo con la nostra politica della privacy e l'utilizzo dei cookie di terze parti., ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più