Home » Sovranità alimentare in Costituzione: La mossa del governo contro il Nutri-Score

Sovranità alimentare in Costituzione: La mossa del governo contro il Nutri-Score

by redazione

In un recente sviluppo, il governo italiano ha annunciato la sua intenzione di modificare la Costituzione per proteggere la sovranità alimentare del paese e potenzialmente ostacolare l’implementazione del sistema di valutazione nutrizionale Nutri-Score, promosso dall’Unione Europea. Questa mossa è stata vista come una risposta alla preoccupazione italiana riguardo alla valutazione dei prodotti alimentari tradizionali, come l’olio d’oliva extra vergine, che viene classificato come D e colorato di arancione dal sistema Nutri-Score.

Il sistema Nutri-Score e le critiche italiane

Il sistema Nutri-Score, che utilizza una scala di cinque colori per classificare i prodotti alimentari in base alla loro composizione nutrizionale, è stato criticato in Italia per la sua presunta bias contro i prodotti alimentari tradizionali. Il governo italiano ha espresso preoccupazione per la possibile perdita di identità alimentare nazionale e la minaccia che questo sistema potrebbe rappresentare per l’industria alimentare italiana.

La proposta di modifica costituzionale

La proposta di modifica costituzionale italiana, che è stata presentata dal ministro dell’agricoltura Francesco Lollobrigida, mira a garantire la sovranità alimentare del paese e a proteggere i prodotti alimentari che rappresentano l’identità nazionale. Questa mossa potrebbe significare che l’Italia non seguirà l’adozione del sistema Nutri-Score, che è attualmente in fase di sperimentazione in sei paesi membri dell’Unione Europea.

Implicazioni e conclusioni

La decisione italiana di modificare la Costituzione per proteggere la sovranità alimentare è stata vista come un segnale forte contro l’Unione Europea e il suo sistema di valutazione nutrizionale. Questo sviluppo potrebbe avere implicazioni significative per la politica alimentare europea e per l’industria alimentare italiana, che potrebbe dover adattarsi a nuove norme e regole per proteggere la sua identità e la sua produzione alimentare.In sintesi, la mossa del governo italiano contro il Nutri-Score è un esempio di come la sovranità alimentare possa essere vista come un aspetto cruciale della identità nazionale e della protezione dei prodotti alimentari tradizionali. Questo sviluppo potrebbe avere ripercussioni significative sulla politica alimentare europea e sulle strategie di marketing delle aziende alimentari italiane.

Articoli correlati

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando cn la navigazione, dichiari di essere d'accordo con la nostra politica della privacy e l'utilizzo dei cookie di terze parti., ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più