Home » BOTTE E MINACCE A MOGLIE E FIGLIA, ARRESTATO DAI CARABINIERI

BOTTE E MINACCE A MOGLIE E FIGLIA, ARRESTATO DAI CARABINIERI

by Tito Taddei

Testa della moglie infilata nel forno, coltello puntato alle vittime, cazzotto sferrato alla figlia mentre si trovava seduta nel bagno, minacce di sgozzare il cane della figlia che afferrava puntandogli il coltello alla gola! Queste solo alcune delle gravi condotte maltrattanti che l’uomo, almeno dal 2020, avrebbe compiuto nei confronti della moglie e della figlia, per le quali, al termine delle indagini, i Carabinieri della Stazione di Castellarano, che hanno condotto le indagini, l’hanno denunciato alla locale Procura per i reati di maltrattamenti in famiglia. La Procura reggiana, diretta dal Procuratore Capo Calogero Gaetano Paci, condividendo con le risultanze investigative dei Carabinieri, ha immediatamente richiesto ed ottenuto dal GIP del Tribunale di Reggio Emilia, l’applicazione nei confronti dell’uomo, dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere che questa mattina è stata eseguita dai carabinieri della stazione di Castellarano che hanno condotto le indagini dirette dalla Procura reggiana. La moglie 60enne, la figlia 35enne e lui 60enne, tutti residenti in un comune del comprensorio ceramico: sono loro i protagonisti di questa ennesima vicenda di violenza domestica alla vigilia della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. Secondo quanto emerso dalle indagini l’uomo almeno dal 2020, per futili motivi, avrebbe compiuto nei confronti di moglie e figlia costanti vessazioni fisiche e morali, percuotendole sistematicamente con spinte, pugni e testate in ogni parte del corpo (in un’occasione entrando nel bagno ove la figlia si trovava seduta nel water ed attingendola con un violento pugno al volto), afferrandole per la testa e trascinandole per casa, puntando loro un coltello minacciando di sgozzare il cane che afferrava puntandogli il coltello alla gola nonché reiterate minacce di morte e offese di tutti i tipi. Episodi delittuosi raccolti in una dettagliata denuncia che riscontrati dai carabinieri della stazione di Castellarano hanno portato all’odierno provvedimento cautelare di natura restrittiva immediatamente richiesto ed ottenuto dalla Procura di Reggio Emilia. I Carabinieri ricevuta l’ordinanza applicativa della misura cautelare, vi davano esecuzione arrestando l’uomo. Il procedimento, in fase di indagini preliminari, proseguirà per i consueti approfondimenti investigativi al fine di consentire al Giudice di verificare l’eventuale piena responsabilità dell’indagato.

Articoli correlati

lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando cn la navigazione, dichiari di essere d'accordo con la nostra politica della privacy e l'utilizzo dei cookie di terze parti., ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più