Home » Prosecco IGP finalmente il riconoscimento anche Nuova Zelanda

Prosecco IGP finalmente il riconoscimento anche Nuova Zelanda

by Roberto Comanducci

La Commissione Europea occasionalmente ne fonda una corretta. Ha negoziato un accordo bilaterale con il governo della Nuova Zelanda attraverso l’Ufficio europeo dei marchi. Brindesi al Trattato del Prosecco Nuova Zelanda Pertanto, il Prosecco sarà riconosciuto come marchio IGP – Indicazione Geografica Protetta nei paesi continentali meridionali. Da qualche mese è stato registrato nella Repubblica Popolare Cinese il marchio Prosecco IGP. Così, questa nuova registrazione internazionale rafforza ulteriormente il prestigio e l’ingegno del vino italiano più venduto nel mondo. Purtroppo questo è uno dei vini più imitati e contraffatti. Il nuovo accordo, firmato di recente, vieterà la commercializzazione dell’autoproclamato e fasullo “prosecco australiano” in Nuova Zelanda per cinque anni.

Questo vino contraffatto di bassissima qualità ha il suo maggior mercato proprio nella Nuova Zelanda. 

Il Consorzio Prosecco DOC implementa ulteriormente il controllo nel campo dell’e-commerce online. Le offerte fraudolente per offrire bottiglie false sono cresciute notevolmente. Dal 2020 ad oggi sono stati effettuati oltre 10.000 controlli per conto del consorzio e sono stati correttamente cancellati 2.500 annunci con proposte di vendita. Sono in netto contrasto con le disposizioni contenute nell’offerta per il corretto utilizzo della denominazione Prosecco DOC. Il Consorzio del Prosecco DOC desidera rafforzare ulteriormente tutte le azioni volte a tutelare la denominazione DOC Prosecco.

Articoli correlati

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando cn la navigazione, dichiari di essere d'accordo con la nostra politica della privacy e l'utilizzo dei cookie di terze parti., ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più